Quando sentiamo parlare di Parchi dedicati all'Arte Contemporanea non dobbiamo fermarci ad immaginare unicamente luoghi in cui le opere d’arte si trovano inserite nel paesaggio naturale nell'intento di stimolare nuovi dialoghi e di sottolineare una rinnovata vena ecologista propria dell’arte attuale.

Se in alcuni casi è l’intento ecologico a prevalere, la maggior parte delle volte è giusto anche considerare i condizionamenti -ogni volta originali- che i luoghi, con la loro storia e la posizione geografica, conferiscono all'intervento artistico e come ogni volta l’artista si misuri e confronti con il territorio nella creazione del suo lavoro.

Francesca Campli 

[Continua - link esterno]

 


Back to Top