“La memoria conta veramente - per gli individui, le collettività, le civiltà - solo se tiene insieme l'impronta del passato e il progetto del futuro, se permette di fare senza dimenticare quel che si voleva fare, di diventare senza smettere di essere, di essere senza smettere di diventare.”  Italo Calvino

Scarpe Rotte ed. 2014

"Un fiore all'occhiello per tutta l'amministrazione, per tutta la cittadinanza". Così Massimo Venturini presidente della Municipalità Mestre Carpenedo ha definito in sintesi, questa mattina in conferenza stampa, il festival Scarpe Rotte, alla sua quarta edizione, dal 24 aprile al 03 maggio a Forte Marghera.

L'ANPI di Mestre, senza il cui impegno l'antifascismo rischierebbe di perdere quello che di più forte possiede, la memoria, in questa Festa della Resistenza di ieri e delle resistenze di oggi, offrirà anche quest'anno occasioni di confronto sul tema della Resistenza e del suo legame con il presente, unite a momenti di festa, con performance musicali e teatrali, proiezioni di filmati che coinvolgeranno il pubblico sulle esperienze che il nostro paese ha vissuto nel passato e che tutt'oggi continua ad affrontare. Non solo musica e spettacoli quindi ma anche tanta informazione, dibattiti ed incontri. Per Piero Susa dell'ANPI, i partecipanti sono "prima di tutto cittadini, al di la di posizioni politiche, definite oppure no. Aspettiamo giovani antifascisti capaci di analizzare criticamente il passato anche attraverso "esperimenti" di democrazia, di cittadinanza attiva".

 

Realizzato da ANPI, Marco Polo System GEIE, Cooperativa sociale onlus Controvento, in collaborazione con Comune di Venezia, Municipalità di Mestre Carpendo, Forte Carpenedo onlus, Associazione dalla guerra alla pace di Forte Mezzacapo e Associazione Forcoli Remi e Vele al Forte, Scarpe Rotte è caratterizzata da una forte connotazione culturale con iniziative volte a sensibilizzare la collettività sui temi della memoria. L'impegno è quello di offrire ancora una volta un programma di proposte e opportunità in grado di emozionare, divertire e far pensare nel contesto di una festa di popolo che unisca, aggreghi e ci ricordi che siamo in tanti. "Dobbiamo sempre ricordarci dove tutto questo avviene" segnala Andrea Bonifacio di Marco Polo System ricordando che quest'anno "festeggiamo i 70 anni dalla liberazione a Forte Marghera, Forte Carpenedo e Forte Mezzacapo, luoghi nati per scopi di guerra, oggi trasformati in luoghi di pace".

Con l'occasione, venerdì, sabato e domenica fino al 10 maggio, verrà tenuto aperto anche il Museo delle Imbarcazioni Tradizionali quale stimolo per la conservazione e la valorizzazione della memoria delle tradizioni legate alla pesca e all’artigianato.

Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e si possono consultare sul sito www.scarperotte.it.

PROGRAMMA EVENTI ANPI

All'ìnterno del Capannone 36 e Ex Chiesetta di Forte Marghera, l'ANPI di Mestre presenta

Mostre

- I Lager delle SS

- Dal fascismo alla Costituzione

- Elaborati artistici dei ragazzi della scuola media Gramsci di Campalto sui temi della resistenza

 

INCONTRI PUBBLICI

 

Domenica 26 aprile

ore 17.00 La liberazione di Mestre. Letture, interventi di Sandra Savogin e altri

Lunedì 27 aprile

ore 17.00 Conferenza: I curdi e Kobane, a cura di Rojava Calling

Mercoledì 29 aprile

ore 16.00 Le repubbliche partigiane.

Ore 17.00 Il prof. Andrea Zannini (Università di Udine) presenta il filmato "Carnia 1944" (area filmati ex cappella)

Giovedì 30

ore 17.00 Il progetto del "Gruppo di discussione giovani"

Venerdì 1 maggio

ore 17.00

Conferenza: "Come è cambiato il lavoro" con il prof. Fabrizio Ferrari

Sabato 2 maggio

ore 16.00

Incontro con le sezioni ANPI e gli Istituti Storici che hanno usufruito dei contributi della Legge regionale 29/2010. Esperienze, materiali prodotti, programmi e prospettive per la promozione e valorizzazione del patrimonio storico e culturale dell'antifascismo e della resistenza.

Domenica 3 Maggio

ore 17.00 Presentazione della Consulta Laica comunale


Back to Top