Per lunghi anni Mestre è stata indicata nei manuali di urbanistica come una delle città più brutte d'Europa. Lo sviluppo caotico e non così attentamente pianificato con la quale è stata aggredita negli anni 50 e 60 ha in effetti cancellato molte tracce di una città che aveva i suoi riferimenti spaziali, ricchi giardini, palazzi e ville di cui oggi si fatica a riconoscerne la presenza. Ma c'è anche una Mestre che per la natura militare delle sue costruzioni si è mantenuta "intonsa". E' la Mestre del Campo Trincerato, 12 forti costruiti tra i primi dell'800 e gli anni appena precedenti lo scoppio della prima guerra mondiale. Relegati già durante la guerra a funzioni sussidiarie i forti sono di fatto rimasti in uso all'esercito fino alle soglie del 2000 per lo più come depositi, protetti dalla loro natura e dal loro uso, ma a loro volta protettori di intere aree vincolate al loro intorno dalla servitù militare. Distribuiti a raggiera attorno al napoleonico forte Marghera, luogo simbolo del risorgimento veneziano, rappresentano un significativo pezzo di storia del nostro territorio che è sempre interessante raccontare e scoprire.

Mercoledì 26 novembre 2014, ore 17.00
Ex-biblioteca c/o Centro Civico, via Terraglio 43
Località La Favorita, Mestre (VE)

Relatore: Mauro Scroccaro/Marco Polo System GEIE

La serata è organizzata dall'Associazione "Leggere per Vivere"
Ingresso libero


Back to Top