Forte Marghera è uno dei siti dove si svolgono azioni pilota del Progetto Adrifort (finanziato dal Programma di Cooperazione transfrontaliero IPA Adriatico 2007 – 2013), iniziativa che intende creare una rete per la promozione e la gestione delle aree fortificate che si affacciano sul Mare Adriatico.
Aree caratterizzate da una relazione tra l'acqua, le architetture storiche delle fortificazioni e spazi urbani o naturali, da valorizzare come sistema territoriale transfrontaliero, occasione di sviluppo sociale, culturale ed economico.

Con questa visione la Regione del Veneto, il Comune di Venezia e Marco Polo System hanno avviato un'attività museale dedicata alle Imbarcazioni tradizionali della Laguna veneta e Alto Adriatico.
Il progetto, chiamato MIT Museo delle Imbarcazioni Tradizionali offre al visitatore una collezione di imbarcazioni e di vari oggetti di loro pertinenza, conservata in un immobile di circa mille metri quadrati da poco restaurato.

 

In questo contesto il 3 e 4 ottobre si terrà a Forte Marghera l'iniziativa Adrifort Open Days, due giorni di incontri, teatro, enogastronomia e visite in barca.
Protagonisti il rinnovato MIT Museo delle Imbarcazioni Tradizionali e il nuovo Laboratorio del Gusto Mediterraneo.

Il Laboratorio del Gusto Mediterraneo è una iniziativa di Marco Polo System che vuole far conoscere i prodotti tipici dei territori che storicamente hanno avuto e hanno anche oggi relazioni con Venezia.

Forte Marghera vuole essere un luogo dove produttori, artigiani, agricoltori, pescatori e operatori del settore enogastronomico del Mediterraneo possano presentare le loro attività, i prodotti genuini e sani per far crescere nel consumatore la cultura del mangiare buono, pulito e giusto, come da decenni ci insegna Slow Food.

 

03 ottobre MIT, Museo delle Imbarcazioni Tradizionali

ore 11.30 - incontro con il Comitato Scientifico del museo

All'incontro partecipano
Giovanni Caniato, Archivista e conservatore della collezione Arzanà,
Luigi Divari, Esperto di marinerie tradizionali adriatiche,
Pietro Maniscalco, Direttore Arsenale di Palermo,
Stefano Medas, Archeologo navale, Presidente I.S.T.I.A.E.N.,
Lorenzo Sferra, Conservatore museo storico navale di Venezia,
Ugo Pizzarello, Architetto navale
Davide Gnola, Direttore del museo della marineria di Cesenatico membro del direttivo A.M.M.M.
Andrea Bonifacio, Marco Polo System

All'incontro sono stati invitati rappresentanti della Regione del Veneto e del Comune di Venezia

ore 15.00 – Darsena. Escursioni in barca nelle acque di Forte Marghera a cura dell'associazioni Forcole Remi e Vele al Forte e Cannottieri Mestre

ore 17.00 Visita guidata al Museo

ore 18.00 - La collezione Arzanà e il Mit - Museo delle imbarcazioni tradizionali.

Partecipano Giovanni Caniato e Ugo Pizzarello. Evento organizzato dall’associazione El Felze

ore 19.00 - Labirinti d’acqua e di fuoco. Storie di laguna e dell’Adriatico.

Spettacolo di teatro con Emanuele Pasqualini, Ensamble Calicanto e la partecipazione di Dario Marušić. Evento curato da Pantakin Teatro Venezia e Atelier Calicanto. Ingresso libero.

ore 20.00 Degustazione enogastronomica

 

04 ottobre Laboratorio del Gusto Mediterraneo

ore 11.00 - Esposizione banchetti di prodotti tipici enogastronomici del Veneto e dell'Istria.

ore 15.00 - Darsena. Escursioni in barca nelle acque di Forte Marghera a cura dell'associazioni Forcole Remi e Vele al Forte e Cannottieri Mestre

ore 17.00 Laboratorio del Gusto Mediterraneo. Venezia e l'Istria tra sapori, musica e storia

Introduce Pietrangelo Pettenò, Amministratore Marco Polo System e Mario Steffè Presidente Comunità nazionale degli Italiani di Capodistria e Consigliere Comunale Città di Capodistria

ore 17.15 - Incontro con l’autore: "Istria e Dalmazia. Le città della Serenissima e la loro difesa".

Partecipa l'autore Andrea Bonifacio.

Presentazione con accompagnamento di canti e musiche dell’Istria con il gruppo vocale “La Porporela” della Comunità degli Italiani di Capodistria, che riprende la tradizione del canto popolare cittadino e con il cantautore - musicista Dario Marušić.

 


Back to Top